…olografico…

(come al solito parto da una semplice cosa …e mi perdo nell ‘esatto contrario)

Si parlava di sfilate, cellulari… sono arrivata  al paradigma  olografico …ma si può ? tra un pò riuscirò a parlare anche di cucina…

ecco forse di quella destrutturata, della  gastronomia molecolare  dello chef Ferran Adrià ! 

…. magari in un’altro post !

 

Cellulare olografico Samsung con immagini che “escono” dallo schermo. Brevettato. Diventerà realtà?

Cellulare olografico Samsung con immagini che

Samsung inventa uno schermo olografico. Nasce una nuova invenzione del produttore coreano che pensa ad una innovazione nel campo telefonia mobile con un sistema di proiezione da integrare nei cellulari per avere display con immagini olografiche. Questa nuova tecnologia si chiama panel type waveguide.

Secondo il produttore coreano, tecnologia potrà consentire in futuro di proiettare su uno schermo immagini “olografiche”, di aspetto tridimensionale. E visto che oggi i cellulari sono dotati di buone capacità di memoria e di player multimediali per vedere anche i film Si tratta in pratica di un sistema a rifrazione ottica per display LCD e OLED, che potrebbe consentire la visualizzazione di immagini anche tridimensionali. Il sistema, spiega Samsung, può essere inoltre utilizzato su schermi di qualunque dimensione, contrariamente alle tecniche attuali che vincolano le dimensioni dei display a proporzioni ben definite.

 
In pratica la casa coreana promette di costruire un dispositivo che permette di proiettare il monitor, e le rispettive immagini, sulla superficie del telefono. In questo modo potremo decidere in quale angolazione posizionarlo indipendentemente dalla grandezza del dispositivo. Gli utilizzi saranno molteplici, basta immaginare telefoni ridotti capaci di proiettare schermi di grandi dimensioni.
 

L’universo è un’illusione – il “Paradigma olografico”
– Universo olografico

  Quella dell’Universo e del Paradigma Olografico è una delle teorie più “estreme” della fisica moderna

e ancora…tratto da the occulta philosophia dal pezzo paradigma olografico

 …In conclusione, il paradigma olografico suggerisce che in realtà noi non vediamo il mondo per quello che è veramente, perché, ad esempio, noi non percepiamo tutte le vibrazioni, ma solo una piccola parte di esse.
Esiste perciò un mondo che noi percepiamo solo in parte, noi siamo intrappolati in quello che il cervello ci fa vedere e in quello che, educandoci e crescendoci, ci hanno insegnato a vedere (questo si rifà anche a diversi livelli di attività cerebrale: beta, alpha, theta e delta, che più avanti riporterò).
Tramite l’acquisizione di coscienza riusciamo e riusciremo a spostarci nell’ologramma dell’universo e a cambiare la realtà che ci sta intorno.

 

“Se le porte della percezione
fossero sgombrate,
ogni cosa apparirebbe com’è, infinita.”
William Blake